Categorie
Articoli

La multiforme bellezza dell’amicizia.

La multiforme bellezza dell’amicizia.

Un etologo ci parla dell’importanza della diversità nel mondo animale, e dell’amicizia interspecifica.

trascrizione di una video intervista di Daniele Agostini a Roberto Marchesini. Il video è disponibile qui.

Incontrare altri animali che non siano sempre e solo il cane e il gatto aiuta molto, perché i bambini per esempio apprendono la diversità delle varie specie, vedono che il modo di comportarsi di un maiale è molto differente da quello di un cane, o che gli uccelli hanno determinate tendenze comportamentali, determinati rituali. Per esempio negli uccelli sono molto forti i rituali del movimento del  corpo, che in qualche modo somigliano alla danza, a tutto ciò che è  coreografia. Quindi questa vicinanza aiuta moltissimo i bambini a farsi un’idea della diversità, della biodiversità, della variabilità, della multiformità.

Il processo dell’imprinting è stato studiato da Konrad Lorenz, si è visto soprattutto nei polli, nelle anatre, nelle oche, e se questi  animali uscendo dall’uovo vedono un essere umano, in qualche modo lo prendono per il genitore, per la mamma, lo seguono, perché si viene a creare un legame fortissimo fra il nidiaceo neonato e l’essere umano.

La cosa divertente è osservare che si vengono a creare proprio delle relazioni di amicizia fra gli animali, soprattutto se crescono fin da piccoli insieme si vengono a creare dei veri e propri gemellaggi. Sono amici, come questa maialina e la papera, che sono assolutamente inseparabili. Dormono insieme, mangiano insieme, si spostano costantemente insieme… La papera nelle situazioni di conflitto in  qualche modo si mette davanti, come se dovesse difendere la maialina, quindi tutto questo dimostra come gli animali fra di loro costruiscono dei rapporti meravigliosi, bellissimi.

E’ assurdo che noi li consideriamo degli oggetti, delle cose o addirittura delle macchine. Gli animali in un certo senso sono come noi, hanno dei profili comportamentali diversi, ma desiderano vivere all’aria aperta, desiderano il contatto, la relazione sociale, provano emozioni, e tutto questo aiuta secondo me i bambini che frequentano questi posti (Istituto di formazione zooantropologica), aiuta a capire meglio, a comprendere il rapporto con la natura, è un’esperienza  importante per loro.

1 risposta su “La multiforme bellezza dell’amicizia.”

Mi ritrovo assolutamente d’accordo! L’educazione outdoor in generale è molto positiva. Se poi si ha la possibilità di entrare in contatto, osservare e prendersi cura anche di animali di specie diverse, è ovviamente ancora meglio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *