Categorie
Articoli

Genere e potere di governo – Solidarietà femminista dal basso.

Genere e potere di governo – Solidarietà femminista dal basso.

da roarmag.org   Traduzione di Unoka Öcs per Intersecta

Quinta parte

MODALITÀ PROMETTENTI DI CURE RIVOLUZIONARIE

Chia-Hsu Jessica Chang, Lais Gomes Duarte e Vanessa Zettler di Colectiva Sembrar

Le donne in tutto il mondo, oltre ad avere a che fare con sistemi intersezionali di oppressione, spesso fanno il lavoro invisibile di prendersi cura dei più vulnerabili. La pandemia ha esacerbato la vulnerabilità di molte donne coinvolte nel lavoro di cura, attivando contemporaneamente reti di mutuo soccorso focalizzate proprio su questi temi. Nel nostro progetto internazionale per raccogliere storie sull’aiuto reciproco per il COVID-19, Colectiva Sembrar ha trovato modelli di speranza di cure rivoluzionarie dal Brasile al Portogallo, Taiwan e oltre.

A Hsin-Kang, una comunità rurale di Taiwan, la popolazione è in gran parte invecchiata e la maggior parte delle sue famiglie sono povere famiglie di contadini. In una sala da pranzo comune a Hsin-Kang, dove si riuniscono gli anziani, una donna sulla sessantina contribuisce ogni giorno cucinando per la gente. Nonostante abbia una grave artrite reumatoide e un dolore fisico costante, insiste ancora per provvedere a coloro che nella sua comunità sono più anziani e più vulnerabili.

Esempi simili di lavoro di comunità in prima linea si possono trovare anche a Lisbona, in Portogallo. Le donne di Lisbona si sono unite per formare Plataforma Geni, una piattaforma online per responsabilizzare le donne migranti la cui vulnerabilità è stata esacerbata durante la pandemia. Poco dopo che il governo portoghese ha annunciato che Lisbona sarebbe stata bloccata, queste donne hanno avviato una campagna online che metteva in contatto donne che potevano offrire servizi legali e di consulenza gratuiti con donne bisognose di questi servizi.

Le pratiche femministe decolonizzanti di Plataforma Geni ci mostrano un futuro più equo costruito sulla ridistribuzione del potere e in cui le disuguaglianze strutturali di razza, genere e nazionalità che sostengono il colonialismo non prevarranno.

Finora, i governi di Taiwan e Portogallo hanno contenuto il COVID-19 relativamente con successo. Tuttavia, altri governi, come quello brasiliano, hanno completamente fallito, rendendo le reti di assistenza ancora più importanti.

In Brasile, ancora una volta, queste reti sono guidate da donne. Suzi Soares, che proviene da un collettivo artistico nella periferia di San Paolo, ha mobilitato migliaia di famiglie. Helena Silvestre, anche lei di San Paolo, ha usato il potere di Abya Yala , una scuola femminista che aveva precedentemente fondato, come hub per fornire supporto materiale, psicologico e legale per la maggior parte delle donne nere e indigene nelle periferie e nelle favelas della città.

In tutti i casi, questo lavoro di assistenza reciproca è svolto principalmente dalle donne e spesso rimane nascosto nell’ombra. Tuttavia, questo lavoro rappresenta la possibilità di un futuro comune e migliore. Non solo deve essere reso visibile, ma anche ridistribuito e decolonizzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *