Categorie
Articoli

Un dente di Patrice Lumumba verrà riconsegnato alla famiglia e al suo paese.

Un dente di Patrice Lumumba verrà riconsegnato alla famiglia e al suo paese.

da dw.com  traduzione: Intersecta

Uno dei denti di Patrice Lumunba verrà restituito alla sua famiglia e al suo paese.

Il Belgio, ex potenza coloniale in Repubblica Democratica del Congo, ha dichiarato di voler finalmente restituire un dente appartenuto a Patrice Lumumba, leader socialista dell’indipendenza congolese assassinato dai servizi segreti belgi e dalla Cia il 17 Gennaio del 1961. La figlia Juliana Lumumba, aveva scritto al  Re del Belgio proprio per avere l’ultima traccia fisica del padre, il cui corpo era stato fatto sparire.

Il dente era stato sequestrato alla famiglia di un poliziotto belga, ora morto, che aveva contribuito a fare sparire il corpo di Lumumba.

La giustizia belga consente a restituire parte delle spoglie di Patrice Lumumba alla sua famiglia, e questa notizia ha fatto la prima pagina dei giornali belgi il 10 Settembre. Sono più di  50 anni che la famiglia aspetta questo momento.

Il 20 Giugno 2020 Juliana Lumumba aveva scritto una lettera al re in cui domandava che i resti del padre potessero essere sepolti nel suo paese.

Il giudice di istruzione ha deciso che un dente poteva essere restituito alla famiglia. Ricordiamo che Lumumba dopo essere stato ucciso fu sciolto nell’acido, e dalla distruzione si salvarono solo dei denti. Durante gli anni 2000 in un documentario tedesco il commissario belga Gerard Soete aveva dichiarato di avere conservato come cimeli dei denti, mentre tagliava il cadavere a pezzi per poi farlo corrodere dall’acido.

Juliana Lumumba: “E’ morto in una maniera atroce”.

La figlia dichiara: “ La mia prima reazione è evidentemente di soddisfazione e vittoria. Perché dopo 60 anni i resti di mio padre che è morto per il suo paese, l’indipendenza e la dignità degli esseri umani neri, torneranno alla terra dei suoi antenati. E’ chiaro che è una cosa buona.  Però dopo aver letto la dichiarazione sulla stampa aspettiamo  una risposta ufficiale e di conoscere le condizioni della restituzione.”

DW: A quanto pare per il momento restituiranno un solo dente. Che ne pensate, visto che avete chiesto molto di più?

Juliana Lumumba: “Come sapete, cerchiamo la verità da più di 40 anni. E’ morto in maniera atroce, ma per anni non sapevamo se fossero rimasti dei resti. Poi sappiamo dai media, non dal governo belga, che sono rimasti dei denti e che un commissario li teneva per ricordo. E adesso la giustizia belga ce ne concede uno.

La cosa più importante, come figlia, è per me potere seppellire mio padre. Le nostre tradizioni ci insegnano che la maniera in cui si seppelliscono i propri cari dice tanto su di noi, ed è importante. E’ tempo di provare a medicare le ferite. Al momento posso dire solo questo”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *